Diritto alla Città all’Università Invisibile

Banner diritto alla città

DOMENICA 6 MARZO

Presso Cooperativa Agricola “La Collina”, Via Carlo Teggi 38, Reggio Emilia

Come vengono costruite le città? Attraverso quali processi? Con quale prospettive? A favore e a discapito di quali interessi? Partendo dall’idea della città come costruzione collettiva, creata grazie al lavoro e alla vita di ognuno di noi, vogliamo indagare il concetto di “Diritto alla città”. Come possiamo determinare insieme lo sviluppo e la gestione della città? Quali idee e pratiche per contrastare i processi di privatizzazione e finanziarizzazione? Quali strumenti per redistribuire la ricchezza, le risorse e le opportunità sul territorio?



★ 10.30 MARVI MAGGIO
studiosa e attivista, Architetta e Dottoressa di Ricerca in Pianificazione territoriale ed urbana, nel 2014 ha ottenuto l’Abilitazione Scientifica Nazionale allle funzioni di professore associato nel settore concorsuale Pianificazione e progettazione urbanistica e territoriale. E’ socia fondatrice dell’International Network for Urban Research and Action.

13.00 Pausa pranzo

★ 14.30 MAURO BAIONI
urbanista, dottore di ricerca in Politiche territoriali e progetto locale ha svolto attività di ricerca e di didattica con l’università IUAV di Venezia e di Roma Tre. Collaboratore di Edoardo Salzano per il sito eddyburg.it e, dal 2005, direttore della Scuola estiva di Eddyburg. Curatore e autore di saggi e pubblicazioni editoriali.

INFO: uninvisibile@gmail.com

————————–————————–————————–—–

DOMENICA 10 APRILE
Presso Centro Reggio Est, Via Turri 49, Reggio Emilia

Una giornata di riflessione, approfondimento e laboratorio su alcuni temi specifici trasversali a tutti gli agglomerati urbani: la zona stazione come elemento di soglia e accesso alla città, la ferrovia come cesura e limite che spesso comporta separazioni e scarsa permeabilità; come il valore immobiliare di un’area influenzi la qualità della vita e gli investimenti pubblici e possa contribuire a creare segregazione e ghettizzazione nei quartieri in prossimità delle infrastrutture principali; come l’abbandono degli spazi pubblici possa favorire la percezione di insicurezza da parte dei cittadini.

10.30 – 17.00 con pausa pranzo a cura di Cucine Senza Frontiere.

★ PAOLA SOMMA
Urbanista, ha insegnato all’Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Svolge ricerca indipendente sui rapporti tra democrazia ed uso del territorio. Collabora con il sito web www.eddyburg.it che promuove la consapevolezza del carattere pubblico della città, riassumibile nell’espressione “città bene comune”.

★ STEFANO PORTELLI
Antropologo culturale, membro dell’Osservatorio di antroplogia del conflitto urbano e il Gruppo di ricerca su esclusione e controllo sociale dell’Università di Barcelona. Attualmente sta svolgendo un dottorato di ricerca interdisciplinare in Studi Urbani presso l’Università “La Sapienza” sul rapporto tra pianificazione e marginalità sociale nelle pereferie.

★ ELISABETTA FORNI
docente di Sociologia urbana dell’ambiente alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino. Studiosa del rapporto tra habitat e condizione dell’infanzia.

————————–————————–———————–

Università Invisibile?

E’ come se ci fosse una grande Università, senza nome e senza sede, un patrimonio di conoscenze e saperi creato all’interno dei movimenti sociali e ambientali, che spesso rimane nell’invisibilità.

Con l’Università Invisibile vogliamo mettere in comune questo patrimonio, non in un luogo, ma dentro un percorso di formazione in cui condividere idee e pratiche per leggere, interpretare e trasformare l’esistente.

Un’ Università che supera i confini delle discipline, in cui rendere visibili contraddizioni politiche ed economiche, mettere in evidenza ingiustizie sociali ed ambientali, e nello stesso tempo far emergere alternative possibili e immaginari insorgenti.